Vittoria Di Mauro: “il mio sogno? combattere con la Michieletto”

intervista con "The Witch" : Vittoria Di Mauro si racconta

Tra i nomi nuovi che la kickboxe italiana ha proposto nel 2018 occupa un ruolo di primo piano Vittoria “The Witch” Di Mauro. L’atleta della Thunder Gym si è imposta all’attenzione generale grazie a una bella striscia di vittorie culminata con la conquista del titolo mondiale WTKA ai danni di Georgina Van Der Linden, nome che ogni vero appassionato dovrebbe conoscere.

L’abbiamo contattata per conoscerla meglio, farci raccontare le sue aspirazioni e i suoi programmi futuri dentro al ring.  A voi….The Witch !

FZ: Ciao Vittoria,  grazie della disponibilità e di essere qui con noi

Di Mauro: Ciao, è un piacere

FZ: Raccontaci un po di te,  dove vivi e che fai fuori dal mondo del fighting.

Di Mauro: Di giorno al di fuori del quadrati mi occupo di ricerca, sono infatti una ricercatrice in ambito cardio_molecolare.  Vivo a Milano da sei anni, città in cui mi sono trasferita per completare studi e trovare lavoro.

FZ: In pratica sei una scienziata! Interessante l’abbinamento con gli sdc,  come sei arrivata a combattere a questo livello?

Di MauroHo sempre avuto interesse negli sport da combattimento, però in passato non sono mai riuscita a praticarli, sia per assenza di palestre specializzate nei luoghi dove ho vissuto che per incompatibilità con le tempistiche Universitarie. L’ arrivo a Milano mi ha permesso invece di iniziare a praticare il k1, avendo un ottimo bacino di strutture. Inizialmente per me era un gioco, una valvola di sfogo, poi Giorgio Castoldi mi ha proposto di iniziare il percorso agonistico dilettantesco . Dopo una iniziale titubanza, è diventato un appuntamento fisso il mettersi in gioco a livelli sempre più alti. Direi di aver avuto una discreta evoluzione.

FZ: Il 2018, sportivamente parlando, è stato importante per te. Vuoi dirci che risultati hai ottenuto? Come lo valuti?

Di Mauro Il 2018 é stato un anno in crescita dal punto di vista atletico, ho avuto la possibilità di affrontare validissime avversarie sia appartenenti al circuito italiano che estero. Sebbene non sia stato esente da infortuni, che mi hanno impedito di incrementare il numero di incontri, posso ritenermi soddisfatta per averlo concluso nel migliore dei modi, con il titolo Mondiale WTKA 57kg

FZ: Vuoi illustrarci il tuo record aggiornato?

Di Mauro Il mio record attuale è 20 match di cui 17 vinti 1 pari e 2 sconfitte.  Curriculum di cui vado molto fiera anche se con 2 sconfitte a macchiare il tutto, le quali sono avvenute contro 2 fortissime atlete del panorama attuale: Chiara Vincis (in finale di un torneo in cui mi ero infortunata, senza nulla togliere a Chiara) e Amel Dehby.

FZ: Il tuo match preferito e uno che potendo rifaresti subito

Di Mauro Il mio match preferito è stato quello con Georgina Van der Linden, in primis per aver avuto l opportunità di affrontare un astro emergente della Thai boxe attuale, la quale nonostante la giovanissima età ha già una grandissima esperienza, e secondo per il grandissimo tifo che ha infiammato la serata, senza il quale non avrei avuto l energia per portare a casa il titolo. Un match che mi piacerebbe rifare è quello con Chiara Vincis, atleta eccezionale, che ha interrotto la mia scia di 16 incontri consecutivi vinti, e durante il quale so di per certo di non aver dato tutto quanto quello che avrei voluto anche causa l’infortunio.

FZ: Nel panorama italiano c’è un atleta che ti piacerebbe poter affrontare un giorno?

Di Mauro: Al momento un atleta Italiana con la quale vorrei confrontarmi è Martine Michieletto!   Senza dubbio è una fighter dalle grandi doti tecniche e fisiche, dal cui incontro non potrei altro che imparare molto, oltre che dimostrare le mie capacità.

FZ: Qual’è il tuo Team e come ti trovi

Di Mauro: Il mio team è la Thunder Milano, che più che una squadra definirei una famiglia, alla quale va il mio rispetto e il mio ringraziamento più grande.  Prima di tutto ai maestri Giorgio Castoldi e Christian Brenna che ogni giorno mi insegnano a superare i miei limiti, non solo per affrontare l avversaria sul ring, ma per vincere le sfide della vita di tutti i giorni.  Poi voglio ringraziare i miei compagni di palestra che giornalmente vivono con me le fatiche e le gioie di ogni singolo allenamento, che stringono i denti e si rialzano ogni volta che si cade sul ring senza mai mollare niente

FZ: Rapporto con il tuo angolo: ascolti,  hai bisogno di poche istruzioni,  fai di testa tua,  come la vivi quando sei sul ring?

Di Mauro: Il rapporto con l’angolo è perfetto, la capacità dei miei maestri di saper leggere il match prima ancora che inizi è una grande fortuna, perché in 60 secondi sono in grado di caricarmi e guidarmi alla perfezione nella riuscita del match.  Per quanto possibile cerco sempre di ascoltare i loro consigli durante la competizione. Anche se a volte l’emozione e la poca lucidità compromettono il tutto,  😎 personalmente appena scesa da ring non ho memoria di quanto accaduto. Tutto troppo veloce ed emozionante da offuscarmi la mente, infatti il mio primo pensiero è correre all’angolo a fine match e chiedere “ok… ora raccontatemi tutto quello che ho fatto”.

FZ: Il tuo range di peso,  qual’è la tua comfort zone e fino a quanto pensi di poter scendere se ne dovesse valere la pena?

Di Mauro Il mio range va dai 57 ai 60 anche se mi piacerebbe poter scendere  verso i 55-56. Stiamo infatti lavorando sulla possibilità di poter trasformare il mio fisico al fine di poter rientrare in questo range e avere maggiori chances a livello internazionale.

FZ: Guardiamo avanti,  i progetti futuri di The Witch.

Di Mauro Dopo un titolo italiano e uno mondiale la ciliegina sulla torta sarebbe aggiungerne almeno un altro alla mia carriera, che rimpiango esser iniziata abbastanza tardi.  Magari un’altra cintura di valore o l’approdo in una promotion importante.

 

Ringraziamo Vittoria e le auguriamo il meglio per il resto della carriera. Per quanto riguarda la sua volontà di incrociare i guantoni un giorno con la Michieletto, beh,  tutti sappiamo quali sono le difficoltà,  più che altro di livello burocratico.  Ma nulla è impossibile e le situazioni cambiano,  non è detto che un giorno qualche promoter non voglia trasformare questo sogno in realtà.  Di certo Martine non è una che lascia cadere le sfide, vedremo cosa succederà.

Stay tuned, amici

Dp

Categoria
KICKBOXING

ARTICOLI COLLEGATI