UFC FIGHT NIGHT 140 preview

La prima volta in Argentina

La card che andrà in scena questa notte per la promotion numero uno al mondo rischia di passare inosservata al grande pubblico, ma è una card solida ed il main event farà sicuramente esplodere il pubblico di Buenos Aires, che per la prima volta potrà assistere dal vivo ad un evento della UFC.

MAIN EVENT – Magny vs Ponzinibbio

Partiamo proprio dalla sfida che vedrà contrapposti due dei migliori welter in circolazione: Neil Magny, attualmente ottavo nei ranking UFC, e l’atleta argentino, Santiago Ponzinibbio.

Magny ha 31 anni ma si può considerare a tutti gli effetti un veterano dell’UFC, con ben 18 match nella promotion e sole 5 sconfitte. Gli è sempre mancato nel corso degli anni quel qualcosa in più per riuscire ad affermarsi completamente, subendo sconfitte in momenti chiave della sua carriera che lo avrebbero portato al top della divisione. Arriva da due vittorie consecutive, una delle quali ottenute contro l’ex campione Carlos Condit, che non è l’unico grande fighter noto al pubblico ad aver subito una sconfitta da parte di Magny, per fare qualche altro nome ‘celebre’ anche Johhny Hendricks, Hector Lombard e Kelvin Gastelum sono su questa lista.

Santiago Ponzinibbio è invece in piena ascesa. Fermo dal 16 Dicembre 2017, ha una striscia aperta di 6 vittorie consecutive ed è intenzionato a prendersi le luci della ribalta davanti ai suoi connazionali. Con una vittoria convincente sarà probabilmente lanciato verso una title eliminator. Ancora più importante per lui, una vittoria servirà ad accrescere la popolarità delle MMA nel suo paese d’origine dove, pur con il calcio che regna incontrastato, talvolta viene fuori qualche sportivo interessante, come lo stesso Ponzinibbio o, ad oggi in una categoria diversa dal comunque promettente Santiago, Manu Ginobili.

Le previsioni per quel che mi riguardano sono dalla parte dell’argentino.

“Gente Boa” proverà ad imporre il suo striking aggressivo in continuo avanzamento, sicuramente subirà dei colpi da Magny che è dotato di maggior allungo/altezza e altrettanto sicuramente gli incasserà senza preoccuparsene troppo. Magny dal canto suo sa di non avere la potenza necessaria per mandare giù Ponzinibbio e, come ha fatto recentemente con Condit, proverà a lottare e a portare a terra l’avversario non appena ne avrà la possibilità. La difesa dai takedown di Santiago è però di buon livello e sembra anche migliorata nelle sue ultime apparizioni, quindi per Magny potrebbe rivelarsi una strategia controproducente.

Resta comunque la possibilità del colpo d’incontro da parte di Magny, che però non ha mai fatto del counter striking la sua arma migliore. Anche l’assenza dall’ottagono prolungata per Ponzinibbio potrebbe essere un fattore, ma l’argentino è più che convinto di riuscire a mettere KO il suo avversario, ed io ci credo.

CO-MAIN EVENT

Due fighters che hanno voglia di riscattarsi quelli impegnati nel co-main event della serata, nella divisione dei pesi piuma. Ricardo Lamas arriva da due sconfitte consecutive e pur essendo in UFC dal 2011 necessita assolutamente di una vittoria. Darren Elkins è in UFC da ancor prima dell’avversario e prima di essere sconfitto da Alexander Volkanovski aveva una striscia aperte di sei vittorie.

Sono due veterani di indubbio livello che in genere preferiscono tenere il match in piedi, Elikins è capace di assorbire i colpi e di compiere rimonte spettacolari mentre Lamas è più composto e preciso nello striking ma sul suo mento incombe più di qualche domanda.

La mia previsione è che questo sarà il match of the night.

IL RESTO DELLA MAIN CARD:

  • Pesi Massimi Leggeri: Khalil Rountree, reduce dalla grande vittoria contro l’ex kickboxer Gokhan Saki  vs. Johnny Walker, al debutto in UFC. Se Walker dovesse perdere malamente, i dubbi sull’attuale matchmaking sarebbero una volta di più confermati.
  • Pesi Medi: Cezar Ferreira vs. Ian Heinisch
  • Pesi gallo: Marlon Vera vs. Guido Cannetti, altro atleta argentino.
  • Pesi paglia femminili: Poliana Botelho vs. Cynthia Calvillo, sperando che quest’ultima, dopo il fallimento del peso, sia in condizioni adeguate per combattere e che questa ennesimo accaduto spinga atleti, promotion e commissioni a riflettere ulteriormente sul taglio del peso.

CARD PRELIMINARE:

  • Pesi welter: Michel Prazeres vs. Bartosz Fabinski
  • Pesi mosca: Alexandre Pantoja vs. Ulka Sasaki
  • Pesi piuma: Humberto Bandenay vs. Austin Arnett
  • Pesi welter: Hector Aldana  vs. Laureano Staropoli
  • Pesi leggeri: Jesus Pinedo  vs. Devin Powell
  • Pesi piuma: Nad Narimani vs. Anderson dos Santos
Categoria
MMAUFC

ARTICOLI COLLEGATI