The Arena 3: un successo annunciato

Guido Colombo, giornalista della Gazzetta dello Sport  ha assistito a The Arena 3 e ci ha mandato questo splendido reportage

 

Sei mesi dopo l’ultimo evento di sport da combattimento (Bellator Milano del 3 ottobre) e a ben 13 mesi di distanza dall’ultimo di thai e kickboxing (Petrosyan Mania del 1 febbraio 2020) il capoluogo lombardo è tornato ad ospitare una manifestazione dedicata al fighting. Il merito è di Marco Re e Laura Scherini della palestra “The King” di Garbagnate Milanese e del loro Gala THE ARENA 3 svoltosi sabato scorso nella splendida MGM Gym di Via Marco d’Agrate a Milano.

Un gala purtroppo ancora a porte chiuse dato l’interminabile lock down ma organizzato come se il pubblico fosse presente tanto erano curati anche i più piccoli dettagli. Curatissimi pure i protocolli sanitari, certificati dal superamento di una ispezione della polizia di stato, mandata probabilmente dagli stessi che segnalano le palestre dove si allenano gli agonisti come “non aventi diritto” a svolgere attività in tempi di COVID. Personalmente non capiamo come questi soggetti si possano definire degli sportivi ma, almeno sabato a Milano, i loro piani sono falliti.

I match in scaletta erano ben 17, tutti pro, 15 tra fight code rules (massimo 5 secondi di clinch) e muay thai full rules oltre ad un paio di sanda. Era infatti presente anche Vincenzo Drago, il Presidente di FIWUK (Federazione Italiana Wushu-Kung Fu), la DSA che gestisce il sanda (detto anche Sanshou o “Kickboxing cinese”) all’interno del CONI. FIWUK e Fight1, che patrocinava l’evento, hanno infatti siglato un accordo di cooperazione ma di questo vi parleremo in un altro articolo. Passiamo invece alla cronaca dei combattimenti dopo avervi ricordato che prossimamente una sintesi di 90 minuti verrà trasmessa da RAI Sport (data da definire).

Il main event è stato il titolo mondiale ISKA “Oriental Rules” – 65 kg tra Roberto Gheorghita da San Marino ed il francese Medhi Larbi. La vittoria è andata al “Titano” che ha battuto ai punti il transalpino dopo 5 round di vera battaglia. Nella quarta ripresa si è anche temuto l’arresto medico per Gheorghita a causa di un taglio dopo una gomitata irregolare dell’avversario. I sanitari sono però riusciti a fermare l’emorragia e si è potuto proseguire dopo aver giustamente detratto un punto sui cartellini del francese.

Nel co-main event non è invece bastato a Fabrizio Ruggiero avere all’angolo i suoi maestri, i fratelli Giorgio e Petrosyan coadiuvati da Iuri Lapicus, per portare a casa la vittoria contro uno splendido Roberto Oliva che si è imposto ai punti dopo un match molto tecnico ed equilibrato. Meglio era andata in precedenza al suo compagno di scuderia Andrea Festa che aveva fatto suo il verdetto in un match al limite dei 77 chili contro Andrea Rizzi.

Ritorno sul ring ed alla vittoria anche per l’attesissima Gloria “The shadow” Peritore che ha sconfitto la francese Sonia Dinh sfoderando una grande tecnica pugilistica. Per l’atleta siciliana sono attese grandi novità a breve.

In scaletta ha trovato posto anche un match di qualificazione per Oktagon categoria – 70 kg Fight Code Rules. Nicholas Novati della “The King” ha ottenuto una netta vittoria ai punti contro Gianmarco Aireti confermandosi come un vero talento emergente.

La card annoverava ben 5 match di muay thai full rules (con gomiti ammessi) ed il livello tecnico nel complesso è stato notevole.

Hakim Bah e Gerardo Luperini si sono imposti nettamente ai danni rispettivamente di Federico Sanguineri e Michele Pennacchietti, quest’ultimo vittima di uno dei 2 ko della giornata. Un’ottima tecnica ma anche una grande prestanza fisica hanno invece assicurato il successo a Tenuun Gantushig contro Luca Guerrieri.
Avvincente il match tra Filippo Marras ed Alessandro Tassoni vinto da quest’ultimo. Sempre nella muay thai c’è stato il secondo ko del gala, quello inflitto a Igli Skurti da Lorenzo Di Vara. Entrambi hanno sfoderato ottima tecnica abbinata a grande potenza ma è stato Di Vara ad imporsi grazie al suo martellamento alle gambe dell’avversario.

Sconfitta ai punti invece nelle fight code rules per l’ex fighter di MMA Bellator Mihail Nica che ha dovuto cedere a Roberto Sacco dopo un match davvero interessante.

Vi consigliamo poi di tenere d’occhio Alex Ajouatsa che ha sconfitto il ben noto Matteo Taccini e sembra avere un grande potenziale. Stesso discorso per Simona Di Dio che ha dominato Sissi Cangese e per Paolo Cannito che ha inflitto due conteggi al pur coraggioso Andrea Sorrentino facendo suo il match.

Il primo incontro della serata si era infine disputato nei – 67 kg Fight Code Rules ed aveva visto Roberto Marinotti vincere per abbandono di Simone Melotti.

Come primo atto della collaborazione tra FIWUK e Fight1 si sono disputati anche 2 combattimenti di Sanda (o Sanshou) disciplina simile alla Kickboxing che prevede però anche l’uso delle proiezioni. Qui trovate il regolamento ufficale: https://www.fiwuk.com/wp-content/uploads/2017/08/Sanshou-rules-iwuf.pdf

I due spettacolari match hanno visto il successo di Fabio Gjoni su Luigi Dello Iacono e di Andrea Franzese su Dario Cipolla.

“THE ARENA 3” RESULTS

MAIN EVENT, – 65 KG ISKA LIGHT-WELTERWEIGHT WORLD TITLE ORIENTAL RULES 5X3′
Roberto Gheorghita (SMR) def. Mehdi Larbi (FRA) by unanimous decision

62kg Fight Code Rules 3×3′
Roberto Oliva def. Fabrizio Ruggero by unanimous decision

70KG SELECTIONS FOR OKTAGON FIGHT CODE RULES 5X3′
Nicolas Novati def. Gianmarco Aireti by unanimous decision

72kg Muay Thai Full Rules 3×3′
Lorenzo Di Vara def. Igli Skurti by KO2

68kg Fight Code Rules 3×3′
Alex Ajuasta def. Matteo Taccini by unanimous decision

77kg Fight Code Rules 3×3′
Andrea Festa def. Andrea Rizzi by unanimous decision

53kg Female Fight Code Rules 3×3′
Gloria Peritore def. Sonia Dinh by unanimous decision

80kg Fight Code Rules 3×3′
Roberto Sacco def. Nica Mihail by split decision

75kg Sanda 3×3′
Andrea Franzese def. Dario Cipolla by unanimous decision

68kg Muay Thai Full Rules 3×3′
Hakim Bah def. Federico Sanguineri by unanimous decision

72kg Muay Thai Full Rules 3×3′
Gerardo Luperini def. Michele Pennacchietti by KO2

54kg Fight Code Rules 3×3′
Simona Di Dio Martello def. Sissi Cangese by unanimous decision

71kg Sanda 3×3′
Fabio Gjoni def. Luigi Dello Iacono by abandonment2

60kg Fight Code Rules 3×3′
Paolo Cannito def. Andrea Sorrentino by unanimous decision

57kg Muay Thai Full Rules 3×3′
Tenuun Gantushig def. Luca Guerrieri by unanimous decision

60kg Muay Thai Full Rules 3×3′
Alessandro Tassoni def. Filippo Marras by unanimous decision

67kg Fight Code Rules 3×3′
Roberto Marinotti def. Simone Melotti by abandonment2

photo by Fabio Barbieri

Categoria
KICKBOXINGMUAY THAI

ARTICOLI COLLEGATI