Parabellum: Slam FC+ War SKC = combinazione azzeccata

da apprezzare gli sforzi degli organizzatori per creare una lunga non-stop di fighting

Segnatevi la data! 3 febbraio. Quel giorno all’ Obi Hall Arena di Firenze si svolgerà Slam FC “Parabellum“, evento organizzato da Marco Santi ed Elita Milito e che ormai si può definire storico nel panorama del fighting italiano.

Per la seconda volta il gala di MMA sarà preceduto dal torneo di grappling,  il War Submission Kings 2,  questo abbinamento si sta rivelando un successo e non possiamo che apprezzare lo sforzo che serve per intrattenere lo spettatore per tante ore, dalla mattina alla notte.

Del torneo di grappling parleremo a parte, ma di certo ha una valenza internazionale di alto profilo,  basta leggere i nomi degli atleti presenti. In questa occasione anche per le MMA è stato fatto uno sforzo,  culminato in 5 match valevoli per il titolo Slam e vari altri scontri interessanti,  che collocano l’evento in gabbia in buona posizione nel panorama italiano.

Diamo un occhiata ravvicinata alla card:

Iovita vs Zorzi – per il titolo dei pesi massimi

Iovita ha 3 apparizioni a Slam (Nemesis, Armageddon, Mai Domo) e 3 rapide vittorie. Questa volta “Il Padrino” alza il tiro perché il suo avversario, Paolo Zorzi, nell’ultimo anno è parso notevolmente in crescita. Difficile pronosticare. Iovita non è mai andato oltre il primo round, se si dovesse combattere a lungo potrebbe andare in difficoltà. Zorzi in verità è arrivato al terzo una volta sola ma nelle ultime uscite è parso molto centrato a livello atletico. Certo,  5 riprese per atleti delle loro caratteristiche sono un viaggio, ma difficilmente si arriverà ai punti. In  palio la cintura e lo spot di numero 3 d’Italia dietro a Cerilli e Riccetti.

Milito vs Lupoli – per il titolo dei pesi mosca

Questo un signor match! Milito in carriera ha alternato match a Slam e Venator vincendo sempre. Lupoli si è distinto in eventi del centrosud Italia ed ha una sola sconfitta. L’atleta di casa secondo noi è favorito ma è un incontro tutto da vedere. Entrambi hanno il cardio necessario per fare i 5 round al meglio. In palio, oltre alla cintura, lo spot di numero uno italiano di categoria.

Russo vs Biyong – per il titolo dei massimi leggeri

Altro match interessante. Atleti a questo peso ne abbiamo pochi e questi sono due dei migliori. Russo, background pugilistico, ha costruito un buon record soprattutto grazie ai match vinti al Magnum. Biyong però ci sembra di livello superiore rispetto a quelli battuti ultimamente dal fighter romano. L’atleta di Salis ha vinto l’ultima volta a Mai Domo e la sola sconfitta è arrivata per mano di Papa, non certo l’ultimo arrivato. Pronostico a favore di Simon, che per questioni anagrafiche dovrebbe essere avvantaggiato anche se si dovesse andare alle lunghe. Russo però ha la castagna da ko, se riesce a metterla può fare la grande sorpresa, oltretutto si sta allenando con Borgomeo… un valore aggiunto.

Ciurli vs Shestakov – per il titolo dei leggeri

Onestamente li conosciamo poco quindi è difficile fare valutazioni. L’atleta russo è chiacchierato per l’abilità a terra ed è imbattuto nelle due uniche uscite da pro. Ciurli è un veterano che combatte per l’American Top Team e ha ripreso da poco in seguito a un lungo stop vincendo un match in Grecia.

Butuc vs Hammami – per il titolo dei welter

Butuc, a soli 21 anni, ha un record di 7-3 e due delle sconfitte risalgono al 2015, quando aveva appena raggiunto la maggiore età. Hammami è imbattuto (2-0) ed entrambi i match non sono arrivati al secondo round. Match che si preannuncia adrenalinico, Butuc ha uno stile aggressivo e andrà all’assalto. Hammami ha dalla sua altezza e allungo per tenerlo a bada. The Tiger favorito,  ma non se la porta da casa.

Oltre a questi la card prevede la disputa di altri 6 match pro:
E la classica undercard Immaf rules composta da ben 12 match:
  • Catchweight Bout (178 lbs) – Andrea Bicchi vs Bryan Achaari
  • Welterweight Bout – Vanni Melani vs Niko Ceraglia
  • Welterweight Bout – Luigi Bordeiasu vs Matteo Casini
  • Light Heavyweight Bout – Abdoul Sow vs Gaetano Di Bella
  • Featherweight Bout – Dennis Shaba vs Davide Ruggi
  • Welterweight Bout – Francesco Giannino vs Gianluca Cioffi
  • Lightweight Bout – Davide Lanzillotta vs Matteo Rofrano
  • Featherweight Bout – Diego Palloni vs Tiziano Ferranti
  • Lightweight Bout – Antonio Tropeano vs Ruslar Volkov
  • Featherweight Bout – Riccardo Faeti vs Matteo Franchino
  • Catchweight Bout (141 lbs) – Cristian Rizzo vs Robert Pagu
  • Featherweight Bout – Davide D’Amato vs Cosimo Totaro

Insomma, parecchio fighting da vedere, e di buona qualità.

Consigliamo di andare perché i soldi del biglietto saranno ben spesi e perché bisogna sostenere con i fatti il sistema e questi ragazzi, che lo meritano.

Appuntamento al 3 febbraio amici, e ricordate che gabbia e ring non mentono mai.

Stay tuned.

DP

Categoria
ALTRE PROMOTIONMMAMMA ITALIANE

ARTICOLI COLLEGATI