PFL Playoff: heavyweights

Day 1: Heavyweights

Dopo una lunga disamina sui partecipanti al torneo pesi piuma della PFL, torniamo a parlare del secondo torneo del 5 ottobre, quello dei pesi massimi, dove troviamo forse un livello tecnico un po’ inferiore, meno prospetti, ma più veterani.


1# Francimar Barroso (21-7, 46° Fightmatrix) vs 8# Josh Copeland (17-5, 54° Fightmatrix)

Si inizia subito col botto, con un match equilibrato, soprattutto per quanto riguarda record e standing su Fightmatrix.

Analizzando però il match nel dettaglio, possiamo accorgerci che Barroso è discretamente favorito.

Prima di tutto, il 38enne brasiliano, leggermente più “anziano” del suo avversario 35enne, si troverà a battersi su un match di 2 round, limitando i problemi di cardio dati ormai dalla crescente età.

In secondo piano, c’è da ricordare che questo torneo, per Barroso, ormai con le ultime munizioni nel fucile dopo una lunga e soddisfacente carriera UFC, è la possibilità di chiudere la carriera con qualche bel soldino e ritirarsi in modo degno.

Barroso ha un record di 4-4-1NC in UFC, ottenuto in un lasso di tempo che va dal 2013 al 2018, ma in PFL è 2-0, con due nette vittorie al primo round ai danni di Daniel Gallemore e Jack May.

Anche Copeland è un ex UFC, dove però ha ottenuto soltanto un record 0-2.

È comunque rimasto ad un buon livello, combattendo in promotion minori ma comunque competitive e ottenendo buone vittorie. In PFL ha perso al primo round contro Jack May e vinto contro Shawn Jordan ai punti, prendendosi l’ottavo spot.

Pronostico: Barroso 80%


4# Jack May (10-4, 76° Fightmatrix) vs 5# Alex Nicholson (12-6, 89° Fightmatrix)

Match di livello inferiore, ma sempre fra due fighters nella top 100 della loro categoria.

Jack May è il classico fighter che arriva in UFC dopo poche vittorie, ma che soffre troppo il salto di livello.

Arrivato in UFC da 6-0, perde subito due match e viene tagliato. Passa all’ottimo Titan FC dove però perde ancora, prima di battere il super veterano Tony Lopez ed arrivare in Bellator, dove batte Dave Cryer.

In PFL ha un record 1-1, con vittoria per KO contro Copeland e sconfitta per submission contro Barroso.

Ormai 37enne, ha la chance della vita.

Alex Nicholson, ha un tipo di carriera simile a May, anche lui arriva presto in UFC, con un record 6-1, affrontando inoltre subito Misha Cirkunov che lo annichilisce. Riesce anche a trovare la vittoria nella massima promotion mondiale contro Devin Clark, ma poi perde contro gli ottimi Sam Alvey e Jack Hermansson e viene tagliato.

Da allora però si è dato da fare per tornare subito ad alto livello, e ha ottenuto tre vittorie al primo round contro avversari solidi a livello regionale, prima di perdere contro Ryan Spann per il titolo LFA, la principale promotion di sviluppo americana.

Da allora un’altra vittoria, poi l’approdo in PFL dove è 1-1, due match conclusi per KO, uno vincente contro Jake Heun, l’altro perdente contro Philipe Lins.

Pronostico: May 60%


3# Philipe Lins (11-3, 78° Fightmatrix) vs #Alternate Caio Alencar (12-3, 41° Fightmatrix)

Match particolare, Lins sulla carta è inferiore, ma è 3° nella Regular Season, mentre Alencar non è neanche riuscito a qualificarsi per i playoff, accedendovi solo grazie all’infortunio di Valdrin Istrefi.

Philipe Lins, ormai 33enne, non è mai approdato in UFC, ma ha un record 3-3 in Bellator, in PFL, ha solo un match contro Alex Nicholson, ma la vittoria per KO al secondo round gli ha regalato tanti punti, permettendogli uno spot altissimo.

Caio Alencar stesso non è mai arrivato in UFC, ed ormai ha 39 anni, ma dopo una solida carriera in Brasile batte Jared Rosholt in WSOF. In PFL è 1-2, ma una di queste due sconfitte arriva contro Blagoy Ivanov, fortissimo fighter ora in UFC in un evento non valevole per la regular season, nella quale perde contro Kelvin Tiller ma batte ai punti Mike Kyle.

Pronostico: Lins 70%


Kelvin Tiller (10-1, 30° Fightmatrix) vs Jared Rosholt (16-5, 53° Fightmatrix)

Nettamente il (re-)match più interessante fra quelli del primo turno dei pesi massimi.

Kelvin Tiller è probabilmente un grande favorito per la vittoria finale, è giovane, forte, in crescita, e l’unica sconfitta risale a 4 anni fa contro Elvis Mutapcic, poi fighter UFC.

Sin dal suo primo match affronta avversari ostici, battendo subito Jeb Chiles, all’epoca 8-1, prima di arrivare in Bellator dove ottiene un record di 3-0.

Dopo la sconfitta contro Mutapcic in WSOF batte due solidissimi avversari in Shamrock FC, arriva in PFL e batte Caio Alencar e Jared Rosholt, entrambi prima del limite.

Per Jared Rosholt, il quale ha letteralmente appena perso contro lo stesso Tiller, sarà molto dura. Il suo avversario lo ha sottomesso al secondo round, e si è dimostrato superiore.

Il veterano Rosholt però è 6-2 in UFC, si è dimostrato un fighter veramente ostico e anche lui non è più in UFC solo per motivi contrattuali.

In PFL ha battuto Nick Rossborough e Valdrin Istrefi, ma solo quest’ultimo nella regular Season.

Con Tiller ha perso, ma parliamo di un fighter con vittorie su Daniel Omielanczuk, Stefan Struve, e altri ottimi fighters.

Pronostico: Tiller 80%

 

 


Fuori dai playoff, pronti a sostituire chiunque dovesse infortunarsi, si battono il prospetto ex TUF Mo De’Reese (6-0, 159° Fightmatrix) e il veterano ex UFC, ACB, Strikeforce, WSOF, WEC e KOTC Mike Kyle (23-16-1, 74° Fightmatrix). Sarà un match interessante, e De’Reese potrebbe essere un’enorme sorpresa.

 

Per ora è tutto, e nell’attesa dei prossimi tornei di Leggeri e Massimi Leggeri, ci auguriamo fuoco e fiamme in questo primo evento dei playoff PFL!

Categoria
MMAPFL

ARTICOLI COLLEGATI