PFL 9: Lightweight e Light Heavyweight

Playoff: pesi leggeri e pesi massimi leggeri

Dopo una scoppiettante prima giornata di Playoff, si ritorna nella gabbia della Professional Fighters League per un’altra giornata di battaglie. Quest’oggi coinvolte le categoria dei pesi leggeri e massimi leggeri.



PESI LEGGERI:


#2 Will Brooks (20-4, 20° Fightmatrix) vs #7 Rashid Magomedov (21-2, 26° Fightmatrix)

Il bracket di questi playoff fanno paura, e lo vediamo da questo primo match. Qui parliamo di livelli assurdi, di main card UFC, un match davvero di uno spessore straordinario.

La sfortuna ha voluto che i migliori due fighters di tutto il bracket leggeri finissero a sfidarsi al primo turno in una sorta di finale anticipata.

Will Brooks è un mostro. In UFC ha notevolmente deluso, ma ha perso contro ottimi fighters, e prima di allora era stato campione Bellator, vincendo il tornero di categoria, prendendosi il titolo e difendendolo varie volte. Quando è arrivato in UFC si parlava di un potenziale contendente al titolo ma, dopo una vittoria contro il veterano Pearson, sono arrivate varie sconfitte contro ottimi fighters. In PFL Però ha vinto entrambi i suoi match, sconfiggendo gli ostici Luiz Firmino e Robert Watley, tornando a dimostrare il suo sconfinato talento. È il principale indiziato per la vittoria finale.

Il secondo favorito è però Rashid Magomedov, che invece in UFC, dalla quale è uscito per motivi di contratto, ha un ottimo record di 5-1 seppur contro avversari notevolmente minori rispetto a quelli fronteggiati da Brooks. Prima di allora si era aggiudicato il titolo M-1 e, tranne una sconfitta ai punti contro il fortissimo Beneil Dariush, non perde dal 2010.

Fighter durissimo, grande cardio, ottimo striking, un top mondiale come Brooks, forse leggermente, ma leggermente inferiore per esperienza, ma che forse è in un momento migliore. In PFL ha combattuto solo un match, battendo ai punti Firmino, motivo per il quale è solamente #7 nel bracket.

Forse il Brooks dei tempi migliori non avrebbe avuto grandi problemi, ma penso che al momento Magomedov parta leggermente avanti.

Pronostico: 60% Magomedov


#3 Islam Mamedov (15-2, 70° Fightmatrix) vs #6 Thiago Tavares (22-8-1, 100° Fightmatrix)

Altro match bellissimo, di livello inferiori al precedente ma comunque di ottima caratura.

Il 28enne Mamedov viene dalla bellezza di 14 vittorie di fila ed è un altro dei grandi favoriti per la vittoria finale.

Dopo una grossa esperienza nell’est europa, arriva in WSOF dove ottiene un record 4-0, prima di traslare in PFL, dove ha vinto l’unico match combattuto contro Yuki Kawana.

Fortissimo nella lotta è un fighter paragonabile, con le giuste proporzioni, a Khabib Nurmagomedov. Classico lottatore che ti porta a terra e ti pressa per tutto il match, vincendo ai punti, in ground ‘n’ pound o per submission.

Il suo avversario Tavares è ben più noto, ma sembra essere ormai lontano dai suoi giorni migliori. Ex veterano UFC, nella prima promotion al mondo ha un record di 10-7-1. Fa del grappling la sua arma migliore, ma sa essere pericoloso anche in piedi.

In PFL è 1-1, avendo perso contro Robert Watley e vinto contro Arthur Estrazulas per Split Decision.

Se Tavares avesse 3-4 anni in meno sarebbe un match strabiliante, ma ultimamente, anche nella vittoria con Estrazulas è sembrato molto sottotono. Mamedov dovrebbe vincere facilmente.

Pronostico: 90% Mamedov


#4 Chris Wade (13-4, 99° Fightmatrix) vs #5 Robert Watley (11-2, 65° Fightmatrix)

Altro match da UFC fra due fighter americani a dir poco notevoli.

Il 31enne Wade è il classico fighter che lascia la UFC per cercare più soldi altrove, ma che nella promotion di Dana White ha un record 5-2.

Solidissimo su più campi, fa del combattimento a terra la sua arma migliore, ha vittorie contro molti ottimi fighters, ma il PFL ha già trovato la sconfitta perdendo contro Natan Schulte, per poi distruggere al primo round Yuki Kawana sottomettendolo con una ghigliottina.

Robert Watley è un prospetto enorme, prima della recente sconfitta con Will Brooks, che è comunque uno dei primi al mondo, veniva da 11 vittorie, durante le quali aveva conquistato il titolo Shogun Fights, XCC e LFA. A livello regionale un mostro, in PFL ha battuto Thiago Tavares, ha 29 anni e sembra pronto ad esplodere, nonostante Wade sia un test durissimo.

Pronostico: 80% Wade


#1 Natan Schulte (13-3, 60° Fightmatrix) vs #8 Johnny Case (24-6, 114° Fightmatrix)

Natan Schulte è stata una bella sorpresa, nessuno si aspettava potesse essere il 1# seed.

Il 26enne brasiliano, che fino ad allora aveva fatto molto bene a livello regionale brasiliano ma che in WSOF era 0-1 (Sconfitto da Mamedov), in PFL si è imposto contro Chris Wade ai punti e contro Jason High per submission al primo round. È ancora molto inesperto, ma il suo talento sembra cristallino e potrebbe essere la grande sorpresa PFL. Il bracket dei leggeri però è veramente ostico, e già oggi parte sfavorito contro l’avversario di giornata, ben più esperto di lui.

Johnny Case è 4-2 in UFC, ma trascorre quasi tutta la sua lunga carriera nelle minor USA dove domina nettamente. Ancora 29enne, potrebbe ancora avere margine di crescita. Questo sarà il suo debutto in PFL. perchè per via di varie defezioni e problemi, entra direttamente con l’ultimo Seed. Potrebbe essere anche lui la sorpresa del torneo, vine eda due vittorie di fila e sembra essere molto in forma.

Pronostico: 60% Case


Ramsey Nijem (9-7, 260° Fightmatrix) vs Yuki Kawana (14-3-5, 242° Fightmatrix)

Match fra alternates che subentreranno in caso di infortuni, due discreti fighters, Nijem è 5-5 in UFC e Kawana è un veterano Shooto, ma in PFL le hanno perse tutte, e difficilmente riusciranno ad imporsi se dovessero entrare nel bracket.

Pronostico: 80% Nijem



PESI MASSIMI LEGGERI:


#2 Maxim Grishin (28-7, 18° Fightmatrix) vs #7 Smealinho Rama (11-4, 87° Fightmatrix)

Match spaziale per aprire il bracket massimi leggeri, con Grishin che è semplicemente uno dei migliori massimi leggeri al mondo, una leggenda in Russia, campione WFCA e veterano M-1, con vittorie fra gli altri su Alexander Volkov e Joachim Christensen.

Viene da 5 vittorie di fila, 16-1 negli ultimi 17 match, con l’unica sconfitta arrivata contro Ankalaev, che ora è in UFC. E’ un fighter durissimo, completo, e che in PFL ha vinto entrambi i match prima del limite contro Jason Butcher e Rakim Cleveland, al primo e secondo round.

Davanti a lui Rama, ex campione WSOF e noto atleta canadese, conosciuto soprattutto per la sua potenza e la sua pericolosità a livello di striking. Qualche anno fa sembrava dovesse diventare un fenomeno assoluto, ora a 26 anni la sua crescita si è arrestata ma resta un ottimo fighter. In PFL è 1-2, ma 1-1 nella regular season, con vittoria su Abdallah al secondo round per stop medico.


#3 Dan Spohn (18-5, 35° Fightmatrix) vs #6 Sean O’Connell (18-10, 62° Fightmatrix)

Altro match di fattura pregevole. Spohn meriterebbe la UFC, ha partecipato al DW’s Contender Series vincendo al primo round per triangle Choke. La chiamata non è arrivata, ma Spohn è un fighter di quel livello, tant’è che in PFL ha trovato due avversari durissimi come Bozigit Ataev e Artur Alibulatov, battendoli entramvi. E molto pericoloso su tutti i fronti, ha la castagna da KO e un grappling di notevole livello. Ha già debuttato in UFC alla fine del TUF 19, perdendo e venendo tagliato senza avere altre possibilità, ma da allora ha un record 10-1.

Il suo avversario O’Connell invece in UFC ha avuto una parentesi più sostanziosa ben sette match, due vinti e cinque persi, prima di allora tanta gavetta a livello regionale.

In PFL è 1-1, vittoria su Ronny Markes per KO al secondo turno e sconfitta contro Bozigit Ataev al primo round sempre per KO.

O’Connell è un signor fighter, con tanta esperienza, ma in netta fase calante e comunque forse non al livello di Spohn.

Pronostico: 85% Spohn


#4 Bozigit Ataev (19-2, 48° Fightmatrix) vs #5 Emiliano Sordi (17-7, 76° Fightmatrix)

Altri due notevoli fighters, il 39enne Ataev è tornato in attività nel 2017 dopo una carriera concentrata principalmente fra il 2000 e il 2006. Al suo rientro vince, viene chiamato il PFL dove perde contro Dan Spohn ma manda KO Sean O’Connell con un bellissimo spinning back kick seguito da una serie di pugni.

Nessuno si aspettava un ritorno a questo livello di Ataev dopo tutti questi anni, ma il russo è ancora in forma. Forma che però verrà testata dal format dei due match consecutivi, ma soprattutto dal suo avversario.

Emiliano Sordi, che nonostante abbia 27 anni è già un veterano, è cresciuto nelle regionali sudamericane fino al debutto con Vittoria in Bellator dove tutt’ora è 1-2. Ma è un fighter solido, molto esperto e variabile, e in PFL è 1-0 con vittoria ai danni di Jason Butcher dopo appena 16 secondi.

Sembra in un momento di grande forma, e nonostante il russo sembri essere di caratura superiore può rappresentare una pericolosa sfida.

Pronostico: 65% Ataev


#1 Vinny Magalhaes (16-9, 25° Fightmatrix) vs #8 Rakim Cleveland (19-10-1, 38° Fightmatrix)

Match davvero interessante, fra quelli che, dopo Grishin ed insieme a Spohn sembrano essere i favoriti per la vittoria finale.

Vinny Magalhaes è una leggenda dello sport, uno dei migliori grappler mai visti in una gabbia e tutt’ora un fighter tostissimo.

È solo 1-4 in UFC, ma ha esperienza in WSOF, ACB, Titan FC ed M-1. Sembra inoltre essere ad un punto altissimo della sua carriera, con due vittorie di fila al primo round in PFL ai danni di Jamie Abdallah e Brandon Halsey, rispettivamente per RNC e head kick and punches.

Fighter mortifero a terra che si sta poco a poco realizzando anche in piedi e che a 34 anni sembra essere al massimo della maturità.

Rakim Cleveland invece è un solido fighter americano, 29enne, fra i migliori a livello regionale. Gli manca ancora l’approdo in una grande promotion, ma ha vittorie importanti e negli ultimi anni è in continua crescita. I PFL ha battuto Rashid Yusupov per infortunio al terzo round e ha perso al secondo per sottomissione contro Maxim Grishin.

Contro Magalhaes avrà vita dura, è principalmente uno striker e se si va a terra è finita.

Pronostico: Magalhaes 90%


Brandon Halsey (11-4, 49° Fightmatrix) vs Ronny Markes (18-6, 67° Fightmatrix)

Match fra alternates per potenziali infortuni che vede battersi due ottimi fighters, de ragazzi che potrebbero tranquillamente gareggiare in UFC ma che qui non sono riusciti neanche a ritagliarsi uno spazietto nei playoffs.

Il 32enne Brandon Halsey ha una notevole esperienza in Bellator, dove vanta vittorie contro ottimi fighters come Brett Cooper e Alexander Shlemenko ed un record di 7-2.

Ha anche esperienza in M-1, e in PFL ha ottenuto un record di 1-1, battendo per infortunio Smealinho Rama e perdendo per KO contro Vinny Magalhaes.

Il brasiliano trentenne Markes invece in UFC c’è stato e ha ottenuto un record 3-2, perdendo solo contro due top come Yoel Romero e Thiago Santos. Prima di allora tante vittorie in Brasile, anche contro ottimi avversari. Dopo la sua separazione dalla UFC, vari match in WSOF, KOTC, Shooto Brasil, M-1 e ovviamente PFL, dove a livello di regulan season ha combattuto solo un match, perso, contro Sean O’Connell.

Parliamo ad ogni modo di due ottimi fighters che possono sostituire degnamente eventuali infortunati.


 

Per questa volta è tutto, vi ricordiamo che dopo l’evento uscirà il recap e che le grandi finali si combatteranno il 31 dicembre!

Categoria
MMAPFL

ARTICOLI COLLEGATI