Petrosyan? 10 punti per chiudere la questione

Ho guardato e riguardato il match che Giorgio Petrosyan ha combattuto ieri a ONE. Ho letto post e raccolto pareri di coach, atleti, semplici appassionati.  Ho partecipato a discussioni, ho guardato dirette video,  alla fine sento che qualcosa è giusto scrivere

1 sono contento della risonanza che il match ha avuto,  il fatto che se ne parli è positivo perchè vuol dire che c’è interesse

2 Giorgio Petrosyan può anche perdere un match al giorno per tutta la vita che gli resta ma nessuno ormai può levargli lo status che si è guadagnato. E’ e resterà RE indiscusso.

3 Il thailandese è un fighter forte e viene da una accademia tra le più rinomate,  che il match non sarebbe stata una passeggiata si sapeva. Il fatto che abbia fatto il suo gioco non può essere detto a suo demerito, anzi, semmai si può parlare dell’arbitro che avrebbe potuto limitarlo, se non sanzionarlo.

4 Il thailandese è stato bravo a portare, come diciamo noi liguri, il match nel suo “carruggio”, cioè dove voleva lui, bisogna rendergliene atto. Chi segue le riunioni asiatiche sa che i giudici, sono premianti per questo aspetto.

5 Giorgio forse non ha fatto il suo miglior match ma se avesse vinto nessuno avrebbe avuto da eccepire sulla prestazione. Detto questo, condivido quello che ha affermato Ermes Di Francesca nella sua diretta,  gli atleti vanno per picchi e non sono macchine che vanno al massimo tutto l’anno. A onor del vero però bisogna dire che questo era appuntamento importante, se Giorgio non ci è arrivato al top (lo possono sapere solo lui e lo staff) qualcosa sarà da analizzare per il futuro.

6 Non mi piacciono la caccia alle streghe, gli spam sulla pagina ONE, le sottoscrizioni mosse dallo sdegno popolare etc, se si ritiene che sia stato commesso un torto, ci sono metodi convenzionali (ricorso) e certo Carlo di Blasi sa come muoversi.

7 Due sconfitte in 7 anni,  e in tutte e due Armen non c’era. Purtroppo non si poteva evitare, ma spero che non capiti più.  Vivono quasi in simbiosi e hanno un legame unico, la sola presenza del fratello avrebbe dato ulteriore energia a Giorgio.

8 Possiamo discutere forse sul secondo e terzo round, ma il primo è di Petrosyan senza ombra alcuna di dubbio.  Azzardo, ma è una semplice opinione da bar Sport, che il primo è andato via tanto facile che ha dato a Giorgio la convinzione di poterlo mettere giù e in seguito si è focalizzato più su quello che sul portare a casa i round senza correre rischi combattendo di rimessa,  tattica in cui è maestro assoluto.

9 Giorgio è il maggior critico di se stesso, chi lo conosce o lo segue sa che a quest ora avrà rivisto il match qualche decina di volte annotandosi ogni piccolo errore che può aver commesso.  Come disse lui stesso una volta “si impara sempre qualcosa”. Tornerà ancora più forte.

10 In conclusione, sommando tutto e cercando di non farsi condizionare dal tifo,  Giorgio non può aver perso questo match, soprattutto non lo può aver perso come ci dicono i tre giudici di ONE.  Purtroppo un giudizio sbagliato a sfavore può capitare e stavolta è successo al Dottore ma non starei a sparare troppo sulla promotion,  la riunione di ieri è stata molto piacevole e io mi sono divertito, come penso anche tanti altri appassionati.

DP

Categoria
EDITORIALIONE

ARTICOLI COLLEGATI