Paolo Boccotti: “Tre eventi sono un grande sforzo e dagli atleti italiani mi aspetto molto”

Abbiamo iniziato l’estate con la speranza di poter avere un evento Bellator in autunno, ora ci troviamo a pocchi giorni da una trilogia senza precedenti.  Infatti, oltre a Bellator 247 Daley vs Anderson, previsto per il 1 ottobre, si svolgeranno anche due eventi Bellator Euro series, uno il 27 settembre e uno il 3 ottobre.  Un sogno, parliamo della seconda organizzazione mondiale per quanto riguarda le MMA!

Le card sono valide anche se manca un match titolato, ci sono parecchi atleti italiani che dovranno superare la classica prova del nove, un vero peccato che la questione Covid non permetta di poter andare all’Allianz Cloud, di certo ne sarebbe valsa la pena.

Come ormai tradizione, abbiamo contattato Paolo Boccotti,  vice Presidente operativo di Bellator Europa, per parlare di quello che sta per arrivare.

Grazie per la consueta disponibilità

Ciao, grazie a voi

Tre eventi in pochi gg in Italia,  come vi è venuta questa idea e quale sforzo è necessario per organizzare il tutto

Lo sforzo è molto ma siamo contenti di poter tornare a mostrare il nostro sport dall’Italia, purtroppo viaggiare non è semplice, come tutti sanno avevamo in previsione, Dublino, Milano ed Israele, oltre all’inghilterra, con l’incertezza della situazione non sarebbe stato possibile portare a compimento gli eventi in 3 città diverse così abbiamo deciso di farli in due settimane. 

Senza pubblico, ci sono differenze nell’organizzare un evento che sarà visto solo in tv?

Non ci sono molte differenze se non la gestione della biglietteria e del publbico. 

A proposito di tv, puoi spiegarci dove so potranno vedere gli eventi, in particolare i match degli italiani? I preliminari vanno su youtube, per quanto riguarda le main card?

Sui canali internazionali che hanno acquistato i diritti, per ora in italia siamo in negoziazione.

Sta per iniziare la partnership con CBS, cambierà qualcosa per il pubblico europeo? Si parlerà sempre di trasmissioni in streaming o andrete anche sui canali televisivi in chiaro?

In Europa per ora non cambia, in America invece avere delle trasmissioni sul canale più importante di sport è un grande risultato.

I tre eventi daranno una opportunità a un bel gruppo di atleti italiani, cosa ti aspetti da loro?

Mi aspetto da tutti grandi cose, sono degli ottimi atleti e sono certo lo potranno dimostrare a Milano, certo nessuno regala

Nota dolente: la divisione kb. Il fatto che non ci sia nulla nelle 3 card mi fa venire cattivi pensieri. Realisticamente c’è un futuro per i kickboxer in Bellator o credi ch si andrà lentamente a dismettere visto che avete perso anche il mercato francese?

Per noi la KickBoxing è importante e contiamo di averla sempre nei paesi dove è apprezzata,

A proposito di Francia, state per esordire in quel paese, da quanto tempo state lavorando per poter arrivare a Parigi?

Abbiamo iniziato con una riunione di molti club nel giugno 2019, e poi a seguire con la Federazione Francese di Boxe, che ha il riconoscimento ufficiale dell’MMA, con la quale abbiamo avuto una collaborazione anche sulla stesura dei regolamenti.

Le MMA francesi sono legate al pugilato e “avete dovuto”inserire match di boxe in card, pensi che resterà una peculiarità degli eventi transalpini o potrete inserire la noble art anche negli USA?

Non abbiamo dovuto inserirlo, ci sembrava naturale che ci potesse essere una riunione mista, e la Federazione ha accettato con entusiasmo.

 In USA Bellator ha istituito una “scolarship” che va a premiare giovani promettenti inserendoli in seguito nelle varie card, pensii che si potrà fare anche in Europa e in Italia un giorno?

Si è certamente una possibilità, avevamo molte cose in mente ma purtroppo la pandemia ci ha bloccato.

Sono passati 4 anni e mezzo dal primo Bellator in Italia, per il mondo del fighting è parecchio tempo, vedi miglioramenti nell’ambiente italico rispetto a quando arrivaste per la prima volta?

Come tutte le cose con l’esperienza si migliora sempre, speriamo sia valso anche per noi.

Futuro: dopo questi eventi quando è previsto il prossimo approdo in Italia, a breve o si va all’autunno prossimo? E riuscirete a mettere la bandierina in qualche altro paese dopo la Francia?

Ad oggi come per tutti è difficile avere delle previsioni per il futuro, ma lavoriamo sempre perché questo avvenga.

 

Ringraziamo Boccotti, mancano pochi giorni al primo evento,  buone MMA a tutti e un grosso in bocca al lupo a tutti gli atleti italiani impegnati

Dp

Categoria
BELLATORMMA

ARTICOLI COLLEGATI