MMA Rosa: Barber nuova stella UFC

Ben tre match in rosa a Denver in occasione della Fight Night numero 139 quella celebrativa dei 25 anni di UFC. Su tutte le signore dell’ottagono che si sono esibite riflettori su Maycee Barber. Vent’anni, beniamina di casa arrivando da Fort Collins, 100 chilometri a nord di Denver al debutto in UFC, è stata autrice di un’ottima performance. Match femminili anche a Singapore, in One Championship e nella nostra Pordenone con la sfida tutta italiana Chinello-Peritore. Vediamo il dettaglio.

UFC FN 193 – 10.11.2018 – Colorado

Pesi Gallo – Main card – Germaine de Randamie (7-3 – Ned) def Raquel Pennington (9-6 – Usa)
Arbitro: Kevin MacDonald
Decisione unanime ( 30-27; 30-27; 30-27) Nostro cartellino 30-27

Positivo, ma non troppo, rientro per de Randamie

Dopo il gran rifiuto di affrontare Chris Cyborg. L’olandese ha superato nettamente ai punti una Pennington apparsa sinceramente un po’ spenta e alla seconda sconfitta consecutiva dopo quella molto pesante con Amanda Nunes. Nemmeno de Randamie, pure al quarto successo consecutivo, ha incantato. Germaine non perde da cinque anni, 6 novembre 2013, anche lei contro Nunes, ma personalmente non la vedo in grado di tornare a vincere una cintura.


Pesi Paglia – Main card – Maycee “The Future” Barber (5-0 – Usa) def Hannah Cifers (8-2 Usa)
Arbitro: Kevin MacDonald
TKO 2’01” R2

Maycee Barber debutta in UFC conquistando la sesta vittoria consecutiva e proponendosi come prospetto veramente interessante. Tre successi per colpi, due per sottomissione e un solo verdetto nel suo record, i soli vent’anni di età ne fanno il possibile astro nascente della MMA femminili. Cifers si presentava a sua volta con un bel record, 8-2 e cinque successi prima del limite, oltre ad essere più matura avendo sei anni in più dell’avversaria. Non le è servito a nulla. Maycee la ha aggredita fin dall’inizio, Hannah ha resistito con coraggio ma poco prima della metà del secondo round Kevin MacDonald ha giustamente interrotto il match. Speriamo di rivedere Barber presto, magari contro un nome già noto della categoria. Unica pecca per The Future l’aver mancato il peso, ha sfruttato tutta la libbra di tolleranza ed è andata oltre di un’altra mezza.


Pesi Paglia – Card preliminare – Ashley Yoder ( 5-4 – Usa) def Amanda Cooper (3-4 Usa)
Arbitro Tom Johnson
Split Decision (29-28; 29-28; 27-30) Nostro cartellino 29-28

Non due fenomeni dell’ottagono le protagoniste di questa sfida dei preliminari

Però coraggiose e attive e in grado di offrire un buon spettacolo nonostante i record non esaltanti. Personalmente ci siamo divertiti di più a seguire questo match che quello tra le più blasonate de Randamie e Pennington. Siamo d’accordo col verdetto di 29-28 per Yoder, anche se va detto che ha vinto veramente di misura. Talmente di misura che la stragrande maggioranza dei giornalisti presenti ha preferito Cooper.  Piuttosto singolare il cartellino di Mark Van Tine che ha visto tutti i round a favore di Cooper.



Ecco invece quel che è accaduto fuori da UFC:

One Championship, Heart of the Lion – 9.11.2018 – Singapore

Pesi Mosca – Main card – Tiifany Teo (7-1 – Singapore) def Michelle Nicolini (5-1 – Bra)
Arbitro Olivier Coste
Decisione unanime – Nostro cartellino 28-29

Trasferiamoci in Oriente dove a Singapore venerdì scorso la rappresentante locale Tiffany Teo ha sconfitto ai punti per decisione unanime la veterana, quasi 37 anni, brasiliana Michelle Nicolini. Buoni record per entrambe e discreto match, prevalentemente combattuto a terra. Nicolini vicina alla vittoria per leva al braccio sul finire del prima round. Personalmente ci è parso che la brasiliana abbia vinto il primo round nettamente e il secondo di misura, perdendo, di poco, solo il terzo. Il verdetto ci sembra quindi un po’ troppo casalingo.

Iron Fighter 20 – 10.11.2018 – Pordenone

Pesi Mosca – Main card – Giulia Chinello (1-1 – Ita) def Gloria Peritore (1-0 – Ita)
TKO 2’04 R1

Successo netto per colpi nella sfida tutta italiana tra i Mosca a Pordenone. Giulia Chinello non ha lasciato spazio a Gloria Peritore imponendosi dopo due minuti del primo round.



Il prossimo fine settimana sarà tra i più attesi del 2018 per le MMA femminili

Si comincerà giovedì 15 a Tel Aviv in Israele con due incontri rosa nella card di Bellator 209. Da segnalare quello nella main pesi gallo, tra la belga Dandois (12-3) e l’imbattuta stella locale Olga Rubin (4-0).

Venerdì 16 a Shawnee in Oklahoma torna Invicta FC la promotion tutta al femminile con l’episodio numero 32. Ben nove gli incontri in programma di cui uno titolato, quello per i pesi piuma tra Pam Sorenson (7-2 Usa) e Felicia Spencer (5-0 Can).

Sabato 17 doppio appuntamento con sfide in rosa. La mattina, per noi, a Jakarta in Indonesia nella card di One Championship due sfide, la notte, nella mitica arena del Luna Park, una delle case per eccellenza della boxe argentina, a Buenos Aires durante UFC FN 140 se la vedranno nei paglia la brasiliana Botelho (7-1) contro la statunitense Calvillo (6-1). Unico incontro femminile in programma che aprirà la main card.

Categoria
ALTRE PROMOTIONMMAMMA ITALIANEMMA ROSAONERUBRICHEUFC

ARTICOLI COLLEGATI