Maxim Radu alla sfida della vita contro Joel Alvarez

Maxim Radu, fighter di formazione torinese costruito in casa Dojo Miura Torino, è sicuramente uno dei prospetti più interessanti della nostra area.  Ventisette anni, ancora giovane, vanta un record di 9-1, con l’unica sconfitta arrivata da Valeriu Mircea, un fighter del quale abbiamo parlato, tessendo grandi lodi, in passato.

Da quella sconfitta però, avvenuta nel gennaio 2016, Radu ha avuto un’enorme crescita, sei vittorie filate, battendo ottimi fighters come Daniele Miceli e Simone La Preziosa, quest’ultimo in Bellator. Sei vittorie arrivate tutte per (T)KO al primo round. Sei enormi prestazioni.

Davanti a lui però, si viene a porre Joel Alvarez, fighter spagnolo del quale si parla enormemente bene in prospettiva UFC.

Il 25enne, che giocherà in casa affrontando il fighter nostrano questa sera all’AFL 17 per il titolo pesi leggeri, viene da 9 vittorie di fila per submission, ha un record complessivo di 14-1 e ha letteralmente attirato tutti gli occhi su di se.

Parliamo di uno dei grappler più forti del panorama europeo, che, tranne un match dove ha perso per KO al primo round, si è sempre imposto per submission.

Il match è molto semplice da analizzare, se si resta in piedi Radu può giocarsi le sue carte egregiamente, da top prospect qual è.

Se si va a terra, purtroppo, è difficile immaginare un esito positivo per il 27enne, il quale dovrebbe fronteggiare un avversario enormemente qualificato.

La sensazione è che, con una bella, ennesima vittoria, lo spagnolo possa ricevere una grossa chiamata.

Cosa che potrebbe valere, forse, anche a parti invertite, con Radu che vedrebbe crescere le sue quotazioni in modo vertiginoso.

Augurandoci un enorme upset, speriamo in un esito positivo e vi consigliamo di seguire le carriere di questi due atleti che, con ogni probabilità, potrebbero arrivare a livelli ancor superiori.

Categoria
ALTRE PROMOTIONMMA

ARTICOLI COLLEGATI