La difesa personale online!

Sono un fruitore seriale di corsi online. Non perché pensi mi servano a cambiar lavoro o a diventare ricco, ma perché mi piace sapere di quasi tutto. A livello di cultura personale, il piacere dato dal conoscere. Solitamente utilizzo piattaforme molto moderne, e del tutto gratuite, offerte dalle varie università italiane. Quando però mi compare la pubblicità di qualche società che offre servizi di questo genere, non manco mai di andare a dare un’occhiata. Vi starete domandando cosa centri la difesa personale.

Ebbene una di queste società presenta a catalogo, insieme ad un altro centinaio, un corso online di difesa personale! E la cosa mi incuriosisce, quindi approfondisco. Partendo dal presupposto che molti addetti ai lavori delle arti marziali non ritengono tanto utili per far fronte a un aggressore nemmeno i corsi base di difesa personale che vengono fatti frequentare a signore sovrappeso ee a signori con pance come la mia in molte palestre, mi sono chiesto come diavolo si facesse ad insegnare tali tecniche via web.

Una volta che ci si è iscritti al sito del fornitore dei corsi,

e si è versata la quota, minima, molto meno di 1 euro a corso disponibile, si può accedere liberamente a tutto il catalogo. Si seleziona il corso di difesa personale e si può immediatamente scaricare il programma. Si parte da riscaldamento e streching per arrivare piano piano agli argomenti salienti. L’approccio psicologico alla difesa, i punti di attacco, le distanze, le difese, come portare un colpo, come liberarsi e svincolarsi e via dicendo.

Ogni lezione è composta da presentazioni in adobe flash, poi scaricabili in pdf, che spiegano la teoria, e una video lezione, girata in una palestra, in cui un giovane piuttosto atletico e sicuro di se spiega la pratica e mostra i movimenti insieme a una bella ragazza silente che gli fa all’occasione da aggressore e da aggredita. Alla fine un quiz con risposta multipla, che si può ripetere miriadi di volte, ti permette di avanzare verso la fine del corso.

L’istruttore non si presenta mai con nome e cognome, e nemmeno la sua compagna. Non dice comunque sciocchezze, il corso c’è e, se approcciato nello spirito di ampliare le proprie conoscenze teoriche come faccio io può anche andare. Se però qualcuno pensasse di potersi realmente difendere da un aggressore sulla base di qualche ora di filmati vista sul PC, le teste son tante, varie e avariate,  si sbaglierebbe ovviamente di parecchio, e ciò non viene detto all’inizio.

Ho seguito, visto che è ormai il mio mestiere principale e dunque sono più ferrato nel poter dare un giudizio, anche il corso da Web Journalist e devo dire che qualche concetto interessante l’ho appreso nonostante trent’anni di esperienza nell’ambiente e sciocchezze non ne ho lette o sentite. Certo se un ragazzo pensasse di trovar lavoro con solo quelle nozioni sarebbe un puro illuso.

Finito tutto il percorso del corso si accede a un attestato di frequenza

dove, e questo aspetto è molto pubblicizzato dal sito, da nessuna parte è specificato che trattasi di attività online. Il documento, fornito in due versioni, italiana e inglese, non ha ovviamente valore legale, però può sempre servire a fare un po’ di curriculum. Cliccando in un certo posto, l’ho scoperto per caso, probabilmente per un bug o per offrire una scorciatoia a chi voglia solo un simil-diploma da mostrare a un possibile datore di lavoro un po’ gonzo, si produce il certificato anche se non hai visualizzato nemmeno un secondo di corso o superato un quiz.

E così, a 54 anni, 110 chili e la pancia, senza mai essere entrato in una palestra in vita mia da atleta, avendo smesso nel 2006 con lo sport attivo, tennis, nuoto ed equitazione tutti a livelli scadenti ora ho uno stupendo simil-certificato che attesta che ho superato  un corso di difesa personale di durata equivalente a 150 ore con tanto di indicazione degli argomenti trattati.

Intendiamoci non avendo gli attestati alcun valore legale non siamo assolutamente in presenza di una truffa. I corsi vengono effettivamente forniti e trattano, quelli che ho potuto visionare finora, correttamente gli argomenti oltre ad avere un costo veramente basso. Per coloro a cui servono come a me, cultura personale e una raccolta di diplomi da mettere su un album Facebook, tutto ok. Se qualcuno si accostasse pensando di risolvere ad esempio i suoi problemi di lavoro i rischi di restare deluso sarebbero piuttosto alti.

Categoria
EDITORIALI

ARTICOLI COLLEGATI

  • Bellator Milano visto da noi

    Sabato Bellator è tornata in Italia, facendo tappa stavolta a Milano, all’Allianz Cloud, il nuovo Palalido. Un successo di pubblico non indifferente, visto il tutto esaurito con oltre cinquemila...
  • MMA italiche, sempre gli stessi discorsi

    E’ la ripetitività che stupisce.  Ogni volta che un atleta italiano che combatte in gabbia perde un match di livello, inizia sempre lo stesso processo fatto di commenti e...
  • Petrosyan? 10 punti per chiudere la questione

    Ho guardato e riguardato il match che Giorgio Petrosyan ha combattuto ieri a ONE. Ho letto post e raccolto pareri di coach, atleti, semplici appassionati.  Ho partecipato a discussioni,...
  • Storia di una bambina

    Solitamente da queste web colonne vi racconto storie di fighter, realizzando interviste, raccontando match, sviluppando biografie di personaggi magari non conosciutissimi al pubblico della MMA italiane. Oggi nulla di...