Inside INSIDE THE THUNDER #8

i rapporti umani fanno la differenza

No, non ho sbagliato a scrivere il titolo. Oggi voglio parlarvi del bell’evento andato in scena alla MILANO THUNDER, prestigiosa palestra milanese specializzata negli sport da combattimento. Lo faccio da insider, perché ero lì con un mio atleta coinvolto. Ovviamente, dei match ho seguito ben poco, ma non è di questo che voglio parlarvi. Voglio parlarvi di come le persone per bene riescono a superare qualsiasi problema federale. Ma andiamo con ordine.

Insieme al mio atleta Luca Falco partiamo da Napoli il venerdì, destinazione Orio al Serio. Ci viene a prendere l’organizzatore Giorgio Castoldi. Mai avuto a che fare con lui. Simpatico, cordiale, disponibile, davvero una gran bella persona. Facciamo il peso, ceniamo, e poi via in albergo fino al giorno dopo, il giorno della gara.

Sabato, giorno in cui mi si apre un mondo. Leggo la lista dei match, vedo i nomi dei team. Alcuni li conosco, altri li cerco sulle loro pagine facebook. Ed ecco che, fra gare pomeridiane, preserata e serata pro, mi si apre una lunga lista di team appartenenti a svariate federazioni. Team affiliati a WTKA, che sanzionava l’evento, ma anche a FIGHT1, a FIKBMS, a FISCAM, a ENTI DI PROMOZIONE non legati a federazioni. Insomma, un pot-pourri di coach e atleti raggruppati in un unico evento.

Nello stesso posto ho visto radunati nel nome del ring coach del calibro di Alfio Romanut, Mario Zanotti, Max Greco, Matteo Valentini, Angelo Valente, Luca Pigliafreddo, Luca Tagliarino (a far le veci di Diego Calzolari impegnato a One con Lasiri) e mi scusino tutti quelli che non sono riuscito a vedere o che non conosco nè di vista nè di persona.

Tanti match, ne ho potuti seguire davvero pochi.


Ho visto il match per il titolo italiano K1 63,5kg WTKA fra Marian Bellettini (ProFighting Imola) ed Alessio Picone (Profighting Milano). Ritmo altissimo da subito, i due hanno scambiato colpi potenti e numerosi fino a quando, al terzo round, Bellettini ha centrato con una ginocchiata allo zigomo destro il suo avversario provocando una ferita importante che ha decretato lo stop medico.

Poi ho visto il match fra l’idolo di casa Ovidio Mihali (Profighting Milano) contro il nuovo astro nascente di casa Romanut, quel Yao Agbetiafa (Satori Gorizia).

Match che si sarebbe potuto disputare in un palazzetto con cinquemila persone, tanto è stato spettacolare. Primo round con scambi duri da entrambe le parti, Mihali con freschezza ed esperienza vince la ripresa, dal canto suo Agbetiafa pare non spingere troppo. Secondo round in cui si assiste ad un lavoro formidabile di colpi al corpo dell’allievo di Romanut; Mihali non va ko grazie alla sua grande esperienza, ma sembra un round drammatico per lui. Terzo round in cui l’esperienza di Mihali viene fuori, colpi da lontano soprattutto di calcio per tenere a distanza l’avversario, Yao però è uno squalo e mette in mostra un gameplan fatto di colpi duri su tutto il tronco. Vittoria per Agbetiafa in un match spettacolare.

Per ultimo ho visto il match del mio atleta. Luca Falco vuole far parlare sempre più di sé, dopo aver vinto il titolo italiano WTKA a giugno non è intenzionato a fermarsi. Dall’altro lato del ring, Pawel Szymanski mette sul ring tutta l’esperienza non solo sua, ma del suo team intero. Purtroppo lo spettacolo, tanto atteso da tutti, finisce in maniera precoce. Falco chiude alle corde l’avversario ma i due sbattono con la testa. Risultato: Falco rimedia un taglio profondo dopo 30 secondi ed il match finisce inevitabilmente in no contest.

Insomma, una serata di alto livello con interpreti affiliati a svariate federazioni.

Quindi, ancora di più, come scegliere la giusta federazione per praticare i nostri amati sport? Perché affiliarsi ad una piuttosto che ad un’altra? Ognuno ha le sue ragioni, ed a breve scriverò un articolo in cui racconto le differenze fra ogni federazione. Intanto, quello che emerge sempre più forte anche grazie a serate come INSIDE THE THUNDER #8, è che sono i rapporti umani fra le persone a fare la differenza.

Categoria
KICKBOXINGMUAY THAI

ARTICOLI COLLEGATI