I 5 atleti che esploderanno nel 2019 in UFC

Il 2018 è stato un anno d’oro per le MMA in tutto il mondo, ce ne siamo resi conto in prima persona noi italiani grazie ai tanti atleti nostrani emersi, e se ne sono resi conto in UFC al termine di un’annata ricca di successi e spettacolo.

Quando le cose vanno bene però è sempre difficile ripetersi perché le aspettative si alzano, l’effetto sorpresa si dilata, e sopratutto perché non sempre si hanno a disposizione risorse umane ed economiche all’altezza.

Assodato che in UFC i soldi non mancano, è la materia prima umana, i fighter, a dover stupire nel 2019. Noi di Fight Zone abbiamo scelto i 5 atleti che, secondo il sindacabilissimo giudizio di chi scrive, esploderanno nell’anno appena cominciato.

Vediamoli insieme.

Israel Adesanya

Probabilmente l’atleta, tra gli emergenti, sul quale UFC punta di più e che è stato capace di portare a casa nel 2018 un netto 4-0 in UFC.

Atteso al varco il prossimo 9 febbraio contro un veterano del calibro di Anderson Silva, dovesse riuscire a portare a casa l’ennesima vittoria avrebbe tutto il diritto di reclamare una chance titola, forte del suo record che ancora non ha conosciuto la sconfitta.

Paulo Costa

L’altro lato della medaglia di Adesanya, Borracinha ha percorso più o meno la via parallela a quella dello Stylebender e per molti la categoria dei medi è nelle loro mani nel prossimo futuro.

Se per Adesanya però già si prospettano chance titolate se dovesse vincere nel prossimo futuro, Costa deve ancora riuscire ad ottenere il match importante in UFC, per poter finalmente convincere Dana White e soci.

Non sarebbe male un match tra i due.

Maycee Barber

È la vera scommessa di chi scrive queste righe. Vittoria per TKO lo scorso 10 novembre durante la Fight Night 139 contro Hanna Cifers, al suo esordio in UFC e con un record attualmente di 6-0.

Appena 20 anni per la statunitense che ha dimostrato di avere una fisicità molto forte, e che se riuscirà a mettere più testa nella gestione degli incontri potrà sicuramente ambire a risultati importanti.

Carlo Pedersoli jr

Citando un italiano si è sempre un po’ di parte, però analizzando in maniera lucida la cavalcata che ha portato il fighter romano in UFC non si può, realisticamente, immaginare per lui un 2019 senza quantomeno opportunità importanti.

La sconfitta per mano di Alex Oliveira, dopo una striscia positiva di 8 match, è stata solo un passo falso lungo la strada di Semento.

Tra i nostri portabandiera è il più accreditato, per skill dentro e fuori dall’ottagono, ad ottenere risultati di rilievo. Insieme al suo team dovrà solamente lavorare come sempre fatto per continuare in questa direzione.

Chan Sung Jung

The Korean Zombie, per i più. Citare l’ultimo che lo ha sconfitto sarebbe stato ingiusto nei confronti di un atleta straordinario che finalmente ha ritrovato la via del ring.

Il KO a 4:59 del quinto round per mano di Yair Rodriguez, dopo un match che sembrava dovesse finire solamente con il coreano con le braccia al cielo, non ci restituisce quanto effettivamente l’ottagono aveva fatto vedere nel suo ultimo incontro.

Se oltre alla tecnica dovesse arrivare anche la continuità di prestazioni e soprattutto di match, la categoria dei featherweight avrebbe sicuramente una cartuccia in più da sparare nella corsa al titolo.

Categoria
MMAUFC

ARTICOLI COLLEGATI