Fighting Spirit 7: Roma parla thailandese!

L’Atlantico Live di Roma riaccende nuovamente i suoi riflettori per un evento di sport da combattimento. Il ring è protagonista ed il livello è indubbiamente alto. Quest’anno stiamo davvero assistendo ad una serie di eventi di prestigio e le attese per FIGHTING SPIRIT 7 sono senza dubbio alte.

Gianluca Colonnese, insegnante di Muay Thai nonché promoter romano, ha preparato una card niente male per il pubblico capitolino.

Fiore all’occhiello della serata, che ricordo andrà in scena Sabato 27 Aprile, è il doppio torneo di Muay Thai al limite dei 65kg e dei 70kg.  Quattro atleti per categoria di peso: semifinali sulla distanza di 3 round da 2 minuti con i paragomiti e finali con 3 round da 3 minuti senza paragomiti. I vincitori, oltre ad una borsa più alta, avranno anche un ingaggio per il Thai Fight con biglietto aereo a/r incluso. Niente male direi.

Nei 65kg si daranno battaglia Khan, Ghercioiu, Leonardi e Fratoni, mentre nei 70kg i contendenti saranno Costagliola, Iadanza, Giosi L. e Manolea. Difficile per loro preparare una strategia: gli abbinamenti saranno decisi infatti con un sorteggio al momento del peso ufficiale.

Certo, per essere il migliore devi batterti con i migliori quindi sono certo che tutti gli atleti si stanno preparando per due guerre vere senza tatticismi.

 

La card principale viene rimpolpata con match di assoluto rilievo:

  • Luca Roma vs Alessandro Sara: I due hanno combattuto entrambi a Yokkao 35 ed hanno perso per verdetti di stretta misura. Il guerriero Roma contro il tecnico Sara, l’occasione per entrambi di riscattarsi in Italia (Sara ha già combattuto e vinto in Thailandia, ndr)
  • Gianmarco Giosi vs Pasquale Amoroso: questi due li conosco bene. Il primo, atleta del Bulls Team di Tivoli, ha combattuto in passato contro un mio atleta. Il secondo, del Team Vivenzio di Nola, ha appena vinto il titolo italiano Kombat League. Ottimo match-up, ve lo assicuro.
  • Alessio Malatesta vs Yodpitee Petchrungruang: questo match vede Malatesta catalizzare completamente l’attenzione del pubblico. E’ forse l’italiano più precoce che abbiamo, a soli 17 anni nessun atleta che vive e si allena in Italia è al suo livello. Di certo i continui viaggi che, insieme al padre, compie per la Thailandia lo stanno aiutando a crescere molto, possiamo affermare che questo talento made in Italy farà parlare molto di sé.
  • Cristian Marzuillo vs Georgios Moustakis: match che vedrà assegnare la cintura WMC Muay Thai Against Drugs. L’italiano del Team Colonnese avrà tutto il pubblico dalla sua contro un avversario che vanta un buon pugilato e degli ottimi low kick.
  • Alessandro Moretti vs Brandon Vieira: secondo atleta del Team Colonnese, già campione europeo Wako Pro nel 2017, Moretti tenta l’assalto al titolo mondiale WKN al limite dei 62kg contro il francese Vieira, ostico atleta del Team Nasser.
  • Emanuele Tetti vs Samuele Babayan: altro titolo mondiale WKN in palio, questa volta al limite dei 53.5kg. Da un lato l’atleta del team PKT del maestro Topa da Genzano di Roma, dall’altro lo spagnolo Babayan. Non ho dubbi che l’Atlantico Live sarà una bolgia per l’atleta di casa.
  • Gabriele Casella vs Corentin Jallon: L’atleta di casa non ha certo bisogno di presentazioni. Con un soprannome come “Il Magnifico”, nella sua città natale, ci si aspetta una prestazione di altissimo livello. Troverà sulla sua strada un ostico atleta francese, la sua potenza farà da contraltare all’eleganza dell’italiano.
  • Sudsakorn Sor Klinmee vs Samed Memaj: il main event potrebbe essere annunciato così, solo con i nomi dei due contendenti. Difficilmente si può aggiungere qualcosa. Entrambi noti agli appassionati, certo il palmares di Sudsakorn farebbe impallidire chiunque ma Memaj di certo non verrà a fare passerella e sono certo che darà del filo da torcere all’asso thailandese.

Non posso che fare un grande augurio a tutti gli atleti coinvolti ed al promoter, certo che assisteremo ad una serata di vero spessore!

Categoria
MUAY THAI

ARTICOLI COLLEGATI