Edwin Van Os: “aiutiamo questo sport a crescere”

intervista al CEO di Enfusion in vista dell'evento romano

Iniziamo oggi una serie di interviste periodiche volte ad ascoltare i “pezzi da novanta”: presidenti,, promoter, coloro insomma che detengono il potere decisionale e che hanno in mano il futuro degli sdc che amiamo.  L’arrivo di Enfusion  a Roma il prossimo 23 marzo ci fornisce l’assist per la prima puntata: iniziamo con Edwin Van Os.

Chi è un minimo addentro nel mondo del fighting non può non conoscerlo,  avendolo visto al timone prima di  Its Showtime e ora di Enfusion. Siamo riusciti a rivolgergli qualche domanda in vista dell’importante impegno romano.

FZ: Grazie per essere qui

Van Os: E’ un piacere , grazie a voi

FZ: E così il 23 marzo Enfusion arriva a Roma,  era l’ora! Cosa ti ha fatto decidere di scommettere sul nostro paese?

Van Os: Il fatto che conosco bene l’Italia.  sono stato a Milano in passato con il mio brand passato, Its Showtime.

FZ: Il tutto è nato da una tua idea o ti è stato chiesto e tu hai semplicemente avallato?

Van Os: Ho avuto varie richieste dall’Italia in passato ma sfortunatamente non abbiamo una emittente da voi. Poi Andrea Ferioli e Alessio Smeriglio mi hanno chiesto di fare un evento a Roma …e mi hanno convinto

FZ: Puoi quantificarmi le borse che elargisce Enfusion ai suoi atleti migliori? Qual’è la più alta che avete pagato?

Van Os: Dipende da molti fattori. La borsa più alta fu per Buakaw ma non sarebbe giusto rivelare accordi privati,  non posso dire altro

FZ: In Olanda ci sono alcune tra le promotion più importanti,  la concorrenza aiuta ad alzare il livello o è un problema per la prosperità e la sopravvivenza?

Van Os: Non ci sono tutte queste top promotion,  Enfusion è abbondantemente la più grande, e in Olanda ci sono tanti atleti di livello.  Molti pensano che Glory sia olandese ma non è così.

FZ: Ci ricordiamo di te e Its Showtime a Milano, e della connessione con Oktagon. Cosa ti è rimasto di quel periodo e cosa ti ha insegnato

Van Os: Abbiamo lavorato con Carlo Di Blasi. Sono stati eventi molto impegnativi e con Carlo è stata una partnership forte. Siamo ancora in contatto e in buoni rapporti

FZ: Perchè la gente dovrebbe andare a Enfusion Roma il 23 marzo?

Van Os: La gente deve andare a tutti gli eventi.  Questo sport deve crescere, speriamo diventi ancora più popolare sia in Italia che in Olanda

FZ: Guardiamo nel furturo, c’è la possibilità che Enfusion faccia tappa fissa in Italia? Magari sempre a Roma?

Van Os: E’ possibile. Prima però voglio vedere come vanno le cose il 23 marzo, poi prenderemo le decisioni

 

Ringraziamo Edwin Van Os per la grande dispoibilità,  speriamo veramente che il pubblico dia una grande risposta e lo convinca a portare Enfusion ogni anno. Ma per ora concentriamoci sull’evento in arrivo,  il 23 marzo si avvicina!!!

Stay tuned, amici

Dp

 

 

Categoria
KICKBOXINGUncategorized

ARTICOLI COLLEGATI