Christian Lee e Regian Eersel Nuovi campioni del mondo, bene Lapicus, Petrosyan sconfitto dai giudici.

Si è da poco concluso l’ultimo evento firmato ONE che vedeva contrapposti, nel main event, il campione in carica Shinya Aoki, leggenda delle MMA nipponiche, e il giovane prospetto Christian Lee. In gioco la cintura pesi leggeri (Che in ONE corrisponde alle 170 libbre, solitamente indicati come pesi Welter).

Evento che si è tenuto a Singapore, nel Singapore Indoor Stadium, tutto nel Ring, sia MMA che Kick, scelta a mio avviso assurda nel 2019, perchè cambiano letteralmente tutti gli angoli, e strikers cresciuti sul ring (Cosmo Alexandre, per esempio), sono molto avvantaggiati rispetto a fighter di MMA puri o grappler, abituati agli angoli larghi della gabbia. Sia per questo motivo, sia per motivi di sicurezza, sia per un discorso di distanze, sarebbe stato, a mio avviso, opportuno montare sia una gabbia che un ring, o attuare un sistema per permettere di trasformare rapidamente la gabbia in un ring e viceversa. E’ un discorso proprio di spettacolo, le MMA nel ring sono uno sport diverso.

Card MMA:

Iniziamo dal principio e facendo una valutazione generale: ONE è molto distante da UFC. E’ importante chiarirlo, soprattutto in vista delle recenti voci che vedono ONE come possibile antagonista del colosso americano; se da un punto di vista commerciale ONE è sulla buona strada, tecnicamente parlando, proprio a livello di atleti, non c’è storia. Basti pensare che dei fighter oggi presenti nella card di MMA solo alcuni sono, sono stati, o potrebbero essere in grado di competere a quei livelli.

Vi sono una serie di fighter asiatici semi sconosciuti con record più o meno buoni ma non certamente spettacolari, che combattono principalmente per ragioni di marketing e che soffrirebbero contro buona parte dei roster delle prime promotion italiane.

 

Iuri Lapicus vince nettamente:

A risaltare sicuramente l’imbattuto Iuri Lapicus, posto davanti alla prima sfida probante della sua carriera dopo una serie di incontri volti a fargli accumulare esperienza. Batte infatti per Submission il buon Shannon Wiratchai (9-5), un avversario non irresistibile ma comunque competitivo. Ottima la lotta del giovane moldavo scuola Petrosyan, che dovrà migliorare nello striking dove subisce molto.

 

Grapplers alla ribalta:

 

Sempre nelle MMA, grandi prove di grappling da parte della veterana giapponese Mei Yamaguchi (20-11) e del fenomeno mondiale del BJJ Garry Tonon (5-0), entrambi vittoriosi per submission al primo round ai danni rispettivamente di Laura Balin (Argentina,11-5) e Yoshiki Nakahara(Giappone, 13-5).

 

Soffermandoci su Tonon, possiamo affermare che sarebbe uno di quelli che in UFC non sfigurerebbero, soprattutto visto il suo valore di grappler che sta, poco a poco, traslando anche nella gabbia (O ring, in questo caso)

Eustaquio si conferma, Arslanaliev ancora in crescita, delusione Northcutt:

Torna poi alla vittoria l’ex campione pesi gallo Geje Eustaquio (Filippine, 12-7) battendo il prospetto sudcoreano Kyu Sung Kim(9-3) ai punti.

Tornando al discorso di prima, Geje Eustaquio è la prova lampante della differenza fra UFC e ONE. Parliamo di un fighter con un record modesto, ex campione ONE, e in UFC non troverebbe un posto a roster e, se lo trovasse, faticherebbe tantissimo a vincere anche solo uno o due match prima di essere tagliato. In ONE invece è a tratti dominante, anche se con avversari molto inferiori.

Altra conferma arriva sicuramente da Saygid Guseyn Arslanaliev (Turchia, 8-1), che supera il fighter di casa Amir Khan (11-6), per KO al primo round. Il turco, appena 24enne, è seriamente un prospetto di altissimo livello.

La prima grande sorpresa arriva grazie al KO inflitto dalla leggenda della kickboxe Cosmo Alexandre(Brasile, 8-1), che infligge un ko devastante all’ex UFC Sage Northcutt (USA, 11-3) con un gancio destro che spegne l’avversario in meno di mezzo minuto. Difficile valutare la prova di Sage, che in UFC, lo ricordiamo, nonostante le critiche ha un rispettabilissimo record 6-2, visto che è durato veramente troppo poco.

Christian Lee è il nuovo campione pesi leggeri ONE!:

 

Grande prova del Singaporegno 20enne Lee(12-3) che si conferma prospetto di altissimo livello battendo la leggenda Shinya Aoki(43-9). Primo round in cui soffre tantissimo, rischia di essere sottomesso da una bellissima armbar del nipponico al primo round, ma vince per KO al secondo una fase in cui mette letteralmente all’angolo l’avversario in pieno stile pugilistico.

Ottima prestazione per questo atleta, che a solo 20 anni combatte già ad altissimi livelli.

 

Card KickBoxing:

Interessantissima anche la Card Kick, che proponeva, principalmente, il primo turno del torneo alle 155 libbre, e il match per il titolo alle 170.

Iniziando dal torneo, purtroppo il nostro Petrosyan, non in gran giornata, perde contro Petchmorakot Sangprapai per split decision in un match  in cui Giorgio aveva probabilmente vinto. L’ avversario si è dimostrato di livello e ha fatto il suo ma alla fine  porta a casa una vittoria che non avrebbe meritato.

Negli altri tre match:

Dzhabar Askerov batte Enriko Kehl ai punti
Jo Nattawut batte Sasha Moisa per KO al terzo round (E non Souwer come da grafica, sostituito dall’ucraino)
Samy Sana batte Yodsanklai Iwe ai punti.

Soffermandoci su quest’ultimo match, grandissima prestazione del francese che domina il match contro il fortissimo thailandese, oggi non in giornata in un match davvero spettacolare forse il più bello fra MMA e Kick di tutta la serata.

Regian Eersel batte l’ex campione Glory Nieky Holzken!:

 

Altro discreto upset in questo ottimo evento:

Nell’ultimo match di Kick della serata, infatti, si affrontano al limite delle 170 libbre Nieky Holzken e Regian Eersel per il titolo di categoria.  Derby tutto olandese fra un fenomeno ormai 35 enne come Holzken, ex campione Glory, e un prospetto ventiseienne di cui si parla benissimo.

Cinque round durissimi e molto combattuti dai quali esce vincente alla fine proprio il giovane prospetto Eersel, che evidentemente prospetto più non è, ed entra di fatto fra i grandi nomi della kickboxing diventando campione del mondo ONE.

Fighter molto atletico, con una grande carriera da dilettante, che ha una storia bellissima alle spalle e del quale sentiremo sicuramente parlare ancora.

Categoria
KICKBOXINGMMAONE

ARTICOLI COLLEGATI