Belluardo 2.0 riparte dal FEN

Ho avuto la fortuna di veder combattere dal vivo Belluardo due volte: la prima al Venator quando vinse su Miceli stabilendo il record di velocità per la promotion di Merenda (poco più di 20 secondi), la seconda al Predator quando fece lo stesso trattamento a Ruotolo.  Mi sono fatto l’idea di un atleta rapido e aggressivo, a suo agio quando può portare il match su ritmi elevati e che non predilige i tatticismi.

Dopo Ruotolo arrivarono altre quattro vittorie e la sospirata chiamata da parte di UFC, dove però le cose non sono andate bene: due sconfitte e il rilascio da parte della top promotion per eccellenza.   Come ho già scritto a mio parere la gestione dell’atleta in quei frangenti non è stata esemplare: passi l’accettazione del match con Alvarez, all’esordio è anche giusto non mettere troppi paletti e accettare chiunque ti venga assegnato.

Ma il match con Madsen io non l’avrei preso,  dopo una sconfitta prima del limite era più intelligente aspettare a far combattere Danilo con un atleta dalle caratteristiche simili alle sue. Fargli combattere un match nelle sue corde invece di mandarlo allo sbaraglio contro un lottatore di un livello che Belluardo non aveva mai affrontato in carriera  e che era scontato che lo avrebbe messo in difficltà.

Acqua passata comunque, alle volte anche le sconfitte aprono delle opportunità e per Belluardo è arrivata sotto il nome di Aurora. Il fatto di potersi allenare sotto l’ala di Borgomeo e Carfagna in uno dei pochissimi team italiani di eccellenza per le MMA ha la sua importanza e il match di sabato mi piace: indica la voglia di scrivere il proprio destino e non aspettare gli eventi, come mi sembra che stiano facendo un pò troppi atleti nosrani che non vanno in gabbia da mesi e mesi.

Il polacco Zielinski (19-9) è avversario duro:  non sarà un nome conosciuto dalle masse ma combatte da sempre con atleti del centro-est Europa, di certo vede questo match come l’occasione di mettersi a curriculum la vittoria contro un ex UFC.  Sono proprio curioso di vedere questo Belluardo 2.0 e di poterne constatare i miglioramenti, soprattutto a livello di tenuta atletica e di strategia in un combattimento che difficilmente si risolverà in pochi secondi, come piace a lui.

Danilo ha dichiarato in questi giorni che il suo sogno è rientrare in UFC:  la strada è ardua, inutile negarlo, ma come dicono gli americani: “step by step”, e il primo gradino passa per il match di sabato sera.

In bocca al lupo!!!

Dp

Categoria
MMA

ARTICOLI COLLEGATI